Comune di Capaccio Paestum

CITTA' DI

CAPACCIO PAESTUM

Header
Ottobre
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
« Set    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

MAGGIO DEI LIBRI, DA SABATO TRE APPUNTAMENTI

Il Comune di Capaccio-Paestum aderisce al “Maggio dei libri”, la campagna nazionale promossa dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali. E’ previsto per sabato 11 maggio  il primo di tre appuntamenti organizzati dall’assessorato alla Cultura, che si terranno alle 18 nella Sala Erica di Piazza Santini, ciascuno dedicato alla conoscenza di un libro e del suo autore.

«E’ un appuntamento nazionale con la cultura che non potevamo assolutamente ignorare – spiega l’assessore alla Cultura di Capaccio Paestum, Eustachio Voza – Leggere fa crescere e non solo, come ci ricorda Sepùlveda: “Sapeva leggere. Fu la scoperta più importante di tutta la sua vita. Ora possedeva l’antidoto contro il terribile veleno della vecchiaia”».

Sabato 11 maggio apre Viola Ardone con “La ricetta del cuore in subbuglio”, edito da Salani. Il 18 l’appuntamento sarà con un giovane scrittore capaccese, Pierpaolo Mandetta, al suo esordio con “Vagamente suscettibili”, edito da Nobus. Chiude il 25 Mariano Bàino con “Dal rumore bianco”, edito da Ad est dell’Equatore.

“La ricetta del cuore in subbuglio”, il libro di Viola Ardone che verrà presentato domani,  racconta la storia di Dafne, un architetto che vive a Milano e cerca nelle leggi e nei simboli della matematica la “ricetta del cuore”. Dafne non ha ricordi della sua infanzia, deve voltarsi indietro per cercarli. E alla fine, attraverso quei ricordi la Dafne adulta ritrova la Dafne bambina, la sua città, la sua famiglia. quello che Dafne bambina ha da raccontare è ora commovente e tenero come il dolce della domenica, ora inquietante, come un incubo in una stanza buia. E sarà proprio laggiù, in un’infanzia che ha i colori, i sapori e i suoni del Sud, che Dafne scopre una ricetta semplice e speciale per guarire dalla nostra inadeguatezza, per ascoltarsi, capirsi, affrontarsi e, ogni tanto, anche perdonarsi.